Comune di Taggia

12. Regolamento per la gestione dell'asilo nido

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE
DELL'ASILO NIDO


Approvato con deliberazione C.C. N. 19 del 22/06/2001



SEZIONE PUBBLICA ISTRUZIONE - CULTURA


REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL'ASILO NIDO

ART. 1 - ISTITUZIONE
L'Amministrazione Comunale istituisce e gestisce l'Asilo Nido Comunale ai sensi delle Leggi statali vigenti e della L.R. n° 64 del 5.12.1994.

ART. 2 - FINALITA'
- L'Asilo Nido è un servizio socio-educativo rivolto ai bambini fino ai tre anni di età.
- Concorre con le famiglie alla loro crescita e formazione nel rispetto della loro identità individuale, culturale e religiosa.
- Promuove lo sviluppo armonico delle potenzialità psicofisiche del bambino dando nel contempo impulso al processo di socializzazione in collaborazione con la famiglia, con gli operatori e con la scuola materna.
- Costituisce un servizio di supporto nei confronti delle famiglie per rispondere ai loro bisogni sociali, per affiancarle nei compiti educativi e facilitare l'accesso delle donne al mondo del lavoro, in un quadro di pari opportunità di entrambi i genitori.
- Con la collaborazione dell' A.S.L. svolge un'azione di prevenzione e recupero del disagio fisico, psicologico e sociale e garantisce il diritto all'inserimento di bambini che presentino problemi sul piano fisico, psicologico e sociale.

Art. 3 - COMITATO DI GESTIONE
Il Comitato di gestione promuove la partecipazione delle famiglie, definisce le linee del progetto educativo, promuove raccordi con le altre istituzioni educative e scolastiche presenti sul territorio. Il Comitato di gestione è nominato con atto ricognitorio del Sindaco ed è formato come segue:
a) - dal Sindaco o da un Amministratore dallo stesso delegato con le funzioni di Presidente;
b) - da un rappresentante nominato dal gruppo consiliare di maggioranza scelto tra gli elettori del Comune;
c) - da un rappresentante nominato dal gruppo consiliare di minoranza scelto tra gli elettori del Comune;
d) - dal dirigente del Settore da cui dipende l'Asilo Nido;
e) - da un rappresentante del personale educativo dell'Asilo Nido;
f) - da una rappresentante del personale ausiliario dell'Asilo Nido;
g) - da due rappresentanti delle famiglie degli utenti;
h) - da un rappresentante del Servizio Sanitario Locale.

Il C. di gestione dell'Asilo Nido viene rinnovato ogni qualvolta viene rinnovata l'Amministrazione Comunale.
I rappresentanti dei genitori rimangono in carica fino al compimento dei tre anni di età del bambino frequentante l'asilo nido.
Il C. può dichiarare la decadenza dei componenti dopo TRE assenze ingiustificate.
In questo caso, o in caso di dimissioni il componente viene sostituito con la procedura prevista per la designazione.
Il C. è convocato con preavviso di almeno 5 giorni, in caso d'urgenza il Presidente può convocare con un preavviso di 48 ore.
Il C. si riunisce trimestralmente in via ordinaria, e in via straordinaria tutte le volte che il Presidente ne ravvisi la necessità o che ne sia fatta richiesta da almeno 1/3 dei componenti.
Per la validità delle riunioni occorre la presenza della metà dei componenti il Comitato.
Il C. delibera a maggioranza assoluta di voti.
Il C. sulla base delle linee di indirizzo e di programmazione del Comune predispone un programma di attività attraverso il quale vengono definiti:
1) - i risultati da conseguire;
2) - le attività da realizzare
3) - gli strumenti operativi da utilizzare
4) - le risorse finanziarie da impiegare
5) - gli investimenti da compiere
Il C. stabilisce l'orario di apertura del servizio ed esprime parere consultivo sulla definzione del calendario annuale e riguardo alla determinazione delle rette di frequenza a carico delle famiglie.
Al C. vengono sottoposte le informazioni relative all'analisi del gradimento del servizio in rapporto alle esigenze delle famiglie.
Le funzioni di Segretario del Comitato saranno disimpegnate da un dipendente della Sezione P.I.

Art. 4 - ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO
L'Asilo Nido comunale è costituito nelle sezioni "tipiche":

- LATTANTI 3 -12 MESI
- SEMIDIVEZZI 13 - 24 MESI
- DIVEZZI 25 - 36 MESI

L'ammissione dei bambini alle sezioni semidivezzi e divezzi è conseguente allo sviluppo psicofisico raggiunto dal bambino.
Il numero dei bambini da affidare ad ogni educatrice è quello previsto dalle specifiche normative vigenti.

Art.5 - AMMISSIONI
Sono ammessi all'asilo nido i bambini da 3 mesi a 3 anni residenti nel Comune di Taggia.
I bambini non residenti sono iscritti in apposita lista e vengono ammessi solo in caso di disponibilità dei posti ed ad esaurimento della lista dei residenti.
Nel periodo compreso da tra giugno e luglio vengono accettate le iscrizioni per l'anno scolastico che inizia nel settembre successivo. Saranno ricoperti i posti rimasti liberi dall'anno scolastico precedente.
Le iscrizioni possono comunque essere accettate anche durante tutto l'anno solare e confluiranno nelle due liste - dei residenti e non - secondo l'ordine di arrivo delle domande.
AMMISSIONI CON PRIORITA':
- condizioni di orfano di uno o entrambi i genitori
- handicap o grave disagio del nucleo familiare
- figlio di ragazza madre/ragazzo padre
- minore in affido
- minore adottato
- figlio di separati o divorziati coniugati o conviventi
Ai fini della composizione delle graduatorie si terrà conto dei seguenti criteri:
- permanenza nella lista d'attesa;
- composizione del nucleo familiare;
- condizioni lavorative dei genitori;
- reddito complessivo e situazione patrimoniale del nucleo familiare (per il calcolo del reddito si fa riferimento a quanto previsto dall'art. 4 del Regolamento Comunale per l'esenzione delle rette delle mense scolastiche)
- condizioni di particolare disagio del bambino attestato dai presidi socio-sanitari.
I bambini già frequentanti al termine dell'anno scolastico devono presentare domanda di riammissione per l'anno successivo.

ART. 6 - FREQUENZA
All'inizio di ciascun anno scolastico per essere ammessi alla frequenza dell'asilo nido i bambini dovranno essere muniti della seguente documentazione:
- certificato di vaccinazione
- referto negativo tampone faringeo per bacillo difterico
- referto negativo coprocoltura per ricerca salmonella
- referto negativo cutireazione alla tubercolina.
Tale documentazione dovrà essere presentata in qualsiasi momento dell'anno venga effettuata un'ammissione.
Le assenze devono essere comunicate agli educatori.
In caso di assenza per malattia di 5 o più giorni consecutivi la riammissione è condizionata alla presentazione di certificato medico.
In caso di assenza per ferie, comunicata preventivamente, il bambino sarà riammesso senza presentazione di certificato.
In caso di assenza prolungata e continuativa per oltre un mese senza giustificazione l'iscrizione decade automaticamente e viene sancita con provvedimento del Dirigente del Settore.
Il mantenimento del posto è previsto per un massimo di tre mesi soltanto per motivi di salute regolarmente documentati, e su corresponsione della retta mensile.

ART. 7 RETTE DI FREQUENZA
L'asilo nido comporta la partecipazione delle famiglie alle spese di gestione attraverso il versamento di una retta determinata dall'Amministrazione Comunale.
Il pagamento della retta deve essere effettuato entro i primi 10 giorni del mese. Copia del versamento dovrà essere consegnata al personale educativo dell'asilo nido.
L' A. C. fissa l'importo della retta per i non residenti.
In caso di attivazione di servizi integrativi si provvederà alla determinazione delle relative quote con provvedimenti separati.
In caso di rinuncia di un utente frequentante, la stessa dovrà pervenire per iscritto almeno con 15 giorni di preavviso.
Per tale periodo la retta deve comunque essere corrisposta.

Art. 8 PRESTAZIONI SANITARIE
L' A.C. si avvale della consulenza dei presidi socio-sanitari sulle seguenti materie:
- informazione, prevenzione e sorveglianza igienico-sanitaria nei servizi
- segnalazione casi di disagio fisico, psicologico, sociale o economico
- predisposizione della dieta alimentare.

Il personale educativo dell'asilo nido non è autorizzato a somministrare farmaci nemmeno su presentazione di certificazione medica.
I bambini con temperatura interna pari a 38° o che presentino ripetuti fenomeni di vomito o scariche diarroiche superiori alle tre volte devono essere ritirati dai genitori il più tempestivamente possibile.



Taggia e Arma

WebCam

PUC

PUC

Meteo

Energia

 


Enkel - Due Metri