Comune di Taggia

19. Regolamento per l'applicazione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni

COMUNE DI TAGGIA
Provincia di Imperia

COMUNE DI TAGGIA
Provincia di Imperia
REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE
DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO
DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI
APPROVATO CON DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE
CC n° 11 dell’11.04.1995
MODIFICATO CON DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO COMUNALE
· CC n° 57 del 27.10.1995
· CC n° 2 del 27.02.1998
· CC n° 14 del 30.03.1999
· CC n° 78 del 27.12.2001
· CC n° 39 del 31.07.2003
· CC n° 9 del 26.03.2004
· n° 50 del 27.11.2006 (Delib. del Comm. Straord.
adottata con i poteri del C.C.)
· CC n° 22 del 03.04.2008
· CC n° 91 del 30.12.2008
· CC n° 29 del 29.05.2009
· CC n° 31 del 29.05.2009
SOMMARIO
Parte I - Disposizioni generali ………………………..…………………………….. Pag. 3
Art. 1 - Oggetto ……………………………..……………………………………………….……… Pag. 3
Art. 2 - Servizio di nettezza urbana ………………………………………………………. Pag. 3
Art. 3 - Presupposto oggettivo ………………………………………………………………. Pag. 3
Art. 4 - Esclusioni ……………………………………………………………………………………. Pag. 3
Art. 4 bis - Agevolazioni ………………………………………………………………………………… Pag. 4
Art. 5 - Presupposto soggettivo ……………………………………………………………… Pag. 5
Art. 6 - Applicazione della tassa ……………………………………………………………… Pag. 6
Art. 7 - Inizio e cessazione dell’obbligazione …………………………………………. Pag. 6
Art. 8 - Commisurazione della tassa ………………………………………………………. Pag. 6
Art. 9 - Categorie e tariffe ………………………………………………………………………. Pag. 7
Art. 10 - Riduzioni tariffarie ………………………………………………………………………. Pag. 8
Art. 11 - Esenzioni ……………………………………………………………………………………… Pag. 9
Art. 12 - Tassa giornaliera ………………………………………………………………………… Pag. 9
Parte II - Procedure e sanzioni ……..…………………..…………………… Pag. 10
Art. 13 - Denunce ………………………………………………………………………………… Pag. 10
Art. 14 - Accertamento, riscossione, contenzioso ………………………………. Pag. 10
Art. 15 - Mezzi di controllo …………………………………………………………………… Pag. 11
Art. 16 - Rimborsi …………………………………………………………………………………. Pag. 11
Art. 17 - Sanzioni …………………………………………………………………………………. Pag. 11
Parte III - Norme transitorie e finali ………………………..……………… Pag. 12
Art. 18 - Funzionario responsabile ………………………………………………………. Pag. 12
Art. 19 - Disposizioni finali e transitorie ………………………………………………. Pag. 12
Art. 20 - Entrata in vigore …………………………………………………………………….. Pag. 12
Parte I
DISPOSIZIONI GENERALI
2
Art. 1
Oggetto
1. Per il servizio relativo allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni e di
quelli assimilati, ai sensi dell'art. 39 della Legge 22/02/1994, n. 146, svolto in
regime di privativa nell'ambito del territorio comunale, è istituita apposita tassa
annuale, da applicare secondo le disposizioni del Decreto Legislativo 15/11/1993,
n. 507.
2. Il presente Regolamento integra la disciplina legislativa della tassa
secondo i criteri fissati dalla legge, dettando le disposizioni necessarie per
l'applicazione del tributo.
Art. 2
Servizio di nettezza urbana
Il servizio di nettezza urbana è disciplinato dall'apposito Regolamento
Comunale ai sensi dell'art. 8 del D.P.R. 19/09/1982, n. 915, in conformità all'art.
59 del D.Lgs. 507/1993. Ad esso si fa riferimento per tutti gli aspetti che
rilevano ai fini dell'applicazione della tassa (zona servita, distanza e capacità dei
contenitori, frequenza della raccolta, generi di rifiuto, ecc.).
Art. 3
Presupposto oggettivo
La tassa è dovuta per l'occupazione o la detenzione di locali ed aree
scoperte, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui
il servizio è istituito ed attivato, nonché dei fabbricati rurali e non con area
scoperta di pertinenza, anche se nella zona di raccolta dei rifiuti è situata la sola
strada di accesso all'abitazione.
Art. 4
Esclusioni
1. Non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre
rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o
perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità nel corso dell'anno.
2. Sono pertanto esclusi dal tributo:
a) locali riservati ad impianti tecnologici, quali cabine elettriche, vani ascensori,
celle frigorifere, locali di essiccazione e stagionatura (senza lavorazione), silos
e simili, e tutti quei locali muniti di attrezzature che impediscono produzione
di rifiuti e ove non si abbia, di regola, presenza umana;
b) la parte degli impianti sportivi riservata alla pratica della sola attività sportiva,
sia che detti impianti siano ubicati in aree scoperte che in locali;
c) unità immobiliari prive di mobili e suppellettili e di utenze (gas, acqua, luce);
d) fabbricati non agibili o in ristrutturazione, purché tale circostanza sia confermata
da idonea documentazione.
3
Tali circostanze debbono essere indicate nella denuncia originaria o di
variazione e debbono essere direttamente rilevabili in base ad elementi obiettivi,
accertabili con sopralluogo, o ad idonea documentazione. La mancata indicazione
in denuncia sottopone la fattispecie a tassazione finché l'utente non produca la
necessaria documentazione all'esclusione, con eventuale diritto a sgravio o
rimborso delle somme pagate.
3. Sono altresì esclusi dalla tassa:
a) le chiese e gli edifici destinati a qualsiasi culto ed i locali annessi;
b) i locali adibiti ad uffici e servizi comunali;
c) istituti, comitati ed associazioni che perseguono fini di beneficenza ed
assistenza;
d) scuole materne e statali di ogni ordine e grado.
4. Nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella
parte di essa ove, per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione, si
formano, di regola, solo rifiuti speciali, non assimilati agli urbani, tossici o nocivi,
allo smaltimento dei quali sono tenuti a provvedere a proprie spese i produttori
stessi in base alle norme vigenti. Ove risulti difficile determinare tale superficie, in
quanto le operazioni relative non sono esattamente localizzate, si applica la
detassazione nella misura del 70% della tariffa in vigore, fermo restando che essa
viene accordata a richiesta di parte ed a condizione che l'interessato dimostri,
allegando la necessaria documentazione, l'osservanza della normativa sullo
smaltimento dei rifiuti speciali, tossici o nocivi.
5. – soppresso.
Art. 4 bis
Agevolazioni
1. Ai sensi del combinato disposto dall’art. 67, comma 2 del D.Lgs. 507/93 e
dall’art. 49, comma 14 del D.Lgs. 22/97, per le utenze non domestiche che
provvedono direttamente all’avvio al recupero dei rifiuti assimilati agli urbani sono
previste le seguenti riduzioni della tariffa ordinaria:
a) Del 75% nel caso in cui i rifiuti assimilati avviati al recupero costituiscano la
totalità dei rifiuti prodotti dall’attività economica;
b) Del 40% nel caso in cui i rifiuti assimilati avviati al recupero costituiscano la
parte prevalente dei rifiuti prodotti dall’attività economica;
c) Del 10% nel caso in cui i rifiuti assimilati avviati al recupero non costituiscano
la parte prevalente dei rifiuti prodotti dall’attività economica.
2. Al fine dell’applicazione delle agevolazioni di cui al comma 1 gli operatori
economici, a consuntivo, annualmente, dovranno dimostrare di aver avviato al
recupero i rifiuti mediante trasmissione all’Ufficio Tributi di copia dei formulari di
identificazione debitamente firmati, copia “MUD” ed attestazione rilasciata dal
soggetto che ha provveduto all’attività di recupero dei rifiuti stessi.
3. Le percentuali di riduzione di cui al presente articolo sono cumulabili con le
altre previste dal presente regolamento nella misura massima dell’80%.
4
Art. 4 ter
Agevolazioni per autocompostaggio
1. Ai sensi dell'art. 67 del D. Lgs. 507/93 e della D.G.R. n. 1624 del
29/12/2006, dall'anno 2010 per le utenze domestiche che provvedono direttamente
al compostaggio domestico, la Giunta Comunale può prevedere annualmente, con
deliberazione da adottarsi sulla base del Regolamento Comunale per il Progetto di
compostaggio domestico, riduzioni della tariffa ordinaria fino ad un massimo del
10%.
2. Con la deliberazione di cui al comma precedente, la Giunta Comunale
stabilisce anche il numero massimo dei soggetti beneficiari della riduzione di tariffa.
3. Per la procedura di riconoscimento del beneficio fiscale, si applicano le
disposizioni del “Regolamento Comunale per il Progetto di compostaggio
domestico”.
Art. 5
Presupposto soggettivo
1. La tassa è dovuta da coloro, persone fisiche o giuridiche, che occupano o
detengono a qualsiasi titolo, i locali o le aree scoperte di cui al precedente art. 3,
con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che
usano in comune i locali o le aree stesse.
2. Per le abitazioni la tassa è accertata, di norma, nei confronti
dell'intestatario dello stato di famiglia, rimanendo, tuttavia, obbligati solidalmente al
pagamento tutti i componenti il nucleo familiare. Per i locali concessi in locazione
con arredamento, la tassa è dovuta dal proprietario, ad eccezione degli alloggi
ammobiliati locati ai sensi dell'art. 2, commi 1 e 3 della Legge 431/1998, la cui
denuncia di occupazione, corredata da copia del contratto di affitto, può essere
presentata dal locatario.
3. Per gli esercizi pubblici ed i centri commerciali integrati la tassa è accertata
nei confronti dei titolari ovvero dei gestori, nel caso di locazione, con vincolo di
solidarietà tra coloro che usano in comune i locali di cui trattasi.
4. Per gli enti, società ed associazioni aventi personalità giuridica, la tassa
è accertata nei confronti dei loro legali rappresentanti o amministratori, tenuti al
pagamento con vincolo di solidarietà.
5. Per i comitati e le associazioni non riconosciute legalmente l'accertamento
della tassa è effettuato nei confronti dei soggetti che li rappresentano, presiedono o
dirigono, con vincolo di solidarietà.
6. Per i locali in multiproprietà e i centri commerciali integrati, la tassa è
accertata nei confronti del soggetto che gestisce le parti comuni, che resta
obbligato per il solo versamento, sia per i locali ed aree scoperte di uso comune,
sia per i locali ed aree scoperte in uso esclusivo ai singoli occupanti o detentori,
fermi restanti nei confronti di questi gli altri obblighi o diritti derivanti dal rapporto
tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo.
5
7. Per le parti comuni del condominio di cui all'art. 1117 del Codice Civile,
che possono produrre rifiuti agli effetti dell'art. 62 del D.Lgs. 507/1993, qualora
la relativa superficie non sia stata denunciata ai sensi del comma successivo, il
Comune, in osservanza dell'art. 63 del Decreto medesimo aumenta la superficie
dichiarata dagli occupanti o detentori degli alloggi in condominio, di una quota
percentuale, secondo il seguente prospetto:
 aumento del 10% agli alloggi siti in edifici sino a 10 condomini;
 aumento del 5% agli alloggi siti in edifici sino a 50 condomini;
 aumento del 2% agli alloggi siti in edifici oltre i 50 condomini.
8. L'amministratore del condominio ed il soggetto che gestisce le parti
comuni di centri commerciali integrati sono tenuti, entro il 20 gennaio di ciascun
anno, a produrre l'elenco dei componenti del condominio e degli occupanti o
detentori dei locali ed aree del centro commerciale, indicando l'intestatario della
cartella esattoriale così come dal modello in distribuzione presso gli uffici
comunali.
Art. 6
Applicazione della tassa
1. La tassa è dovuta per intero nelle zone in cui il servizio relativo allo
smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni è svolto in regime di privativa. La tassa
è comunque applicata per intero, ancorché si tratti di zona non rientrante in quella
perimetrata quando, di fatto, detto servizio è attuato.
2. Fermo restando che gli occupanti o detentori degli insediamenti comunque
situati fuori dell'area di raccolta sono tenuti a conferire i rifiuti urbani nei
contenitori viciniori, in tale zona la tassa è dovuta:
a) in misura pari al 40% della tariffa, se la distanza, per la via più breve, per
raggiungere il più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o
di fatto servita non supera 1.000 mt.;
b) in misura pari al 30% della tariffa, se la suddetta distanza supera 1.000 mt.
Art. 7
Inizio e cessazione dell'obbligazione
1. La tassa è corrisposta in base a tariffa commisurata ad anno solare, cui
corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.
2. L'obbligazione decorre dal primo giorno del bimestre solare successivo a
quello in cui ha avuto inizio l'utenza.
3. La cessazione, nel corso dell'anno, dell'occupazione o detenzione dei locali
e delle aree, dà diritto all'abbuono del tributo dal bimestre solare successivo alla
cessazione dell'occupazione o della detenzione, se l'utente che ha prodotto
tardivamente, ma sempre entro il 31 dicembre dell'anno di riferimento, denuncia di
cancellazione, dimostri di non aver continuato l'occupazione o la detenzione dei
locali o aree e sempre che la tassa sia stata assolta dall'utente subentrante a
6
seguito di denuncia o in sede di recupero d'ufficio.
4. In caso di mancata presentazione della denuncia nel corso dell'anno di
cessazione, il tributo non è dovuto per le annualità successive se l'utente che ha
prodotto denuncia di cessazione dimostri di non aver continuato l'occupazione o la
detenzione dei locali ed aree ovvero se la tassa sia stata assolta dall'utente
subentrante.
Art. 8
Commisurazione della tassa
1. La tassa è commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie, per unità
di superficie imponibile, dei rifiuti solidi urbani interni producibili nei locali ed aree
per il tipo di uso cui i medesimi sono destinati, nonchè al costo dello smaltimento.
2. La superficie tassabile è misurata sul filo interno dei muri o sul perimetro
interno delle aree scoperte. Le frazioni di superficie complessiva risultanti inferiori
a mezzo metro quadrato si trascurano, quelle superiori si arrotondano al metro
quadrato.
3. Nelle unità immobiliari adibite a civile abitazione in cui sia svolta anche
un'attività economica o professionale, la tassa è dovuta in base alla tariffa prevista
per la specifica attività ed è commisurata alla superficie utilizzata. In caso di più
impieghi dei locali comuni, qualora non sia distinguibile la superficie occupata per
ogni tipo di utilizzazione, si effettua la ripartizione in parti uguali.
4. Le tariffe per ogni categoria di cui all'art. successivo sono determinate
secondo il rapporto di copertura del costo prescelto a termini di legge,
moltiplicando il costo di smaltimento per unità di superficie imponibile accertata,
previsto per l'anno successivo, per uno o più coefficienti di produttività quantitativa
e qualitativa di rifiuti.
Art. 9
Categorie e tariffe
1. La classificazione delle categorie tassabili e le relative tariffe al
metro quadrato sono così definite:
1) Abitazioni civili …………………………………………………………………………………………………… € 2,70
2) Cantine, garage, magazzini uso privato, soffitte, locali di sgombero al
servizio di abitazioni civili ………………………………………………………………………………….
€ 1,53
3) Autorimesse, aree scoperte operative al servizio di attività, rimesse
tranviarie ……………………………………………………………………………………………………………
€ 2,16
4) Arenili, aree private adibite a parcheggi a pagamento …………………………………… € 1,17
5) Autosaloni, rivendite mobili, aree esclusivamente espositive, depositi
commerciali ove è esclusa la presenza del pubblico, teatri, cinematografi,
studi televisivi ……………………………………………………………………………………………………
€ 3,18
6) Associazioni ed istituzioni culturali, politiche, sindacali ed assistenziali ………… € 2,39
7) Circoli ricreativi e sportivi, palestre (esclusa la superficie destinata
all’esercizio dell’attività sportiva), scuole pubbliche e private …………………………
€ 2,39
8) Uffici pubblici e privati, studi professionali, agenzie, banche, assicurazioni,
laboratori analisi ………………………………………………………………………………………………..
€ 4,38
7
9) Stazioni ferroviarie ……………………………………………………………………………………………. € 2,78
10) Alberghi, hotel, pensioni, locande, affittacamere (esclusi bar, cucine e sale
da pranzo) ………………………………………………………………………………………………………….
€ 2,70
11) Case di cura e riposo private, residence …………………………………………………………. € 3,98
12) Stabilimenti balneari (esclusi bar ed arenile) ………………………………………………….. € 3,18
13) Sale da ballo ……………………………………………………………………………………………………… € 6,36
14) Bar, birrerie, relativi déhors ……………………………………………………………………………… € 9,57
15) Ristoranti (comprese cucine, bar e sale da pranzo di alberghi, hotel,
pensioni, locande ed affittacamere), pizzerie, relativi déhors …………………………
€ 11,96
16) Locali adibiti a lavorazione e vendita di fronde ornamentali, fiori e piante ……. € 7,99
17) Supermercati (esercizi commerciali per la vendita al minuto di generi di largo
e generale consumo con superficie complessiva superiore a 400 mq.) ed
esercizi alimentari ove la vendita di ortofrutta e/o prodotti ittici non
costituisce attività prevalente ……………………………………………………………………………
€ 11,96
18) Esercizi commerciali di generi alimentari con attività prevalente di vendita di
prodotti ortofrutticoli od ittici ……………………………………………………………………………
€ 15,14
19) Locali per lavorazione e/o vendita di prodotti ittici …………………………………………. € 15,14
20) Attività conserviere ………………………………………………………………………………………….. € 15,14
21) Esercizi commerciali per la vendita di generi alimentari (esclusi prodotti
ortofrutticoli ed ittici) …………………………………………………………………………………………
€ 7,18
22) Locali adibiti a lavorazioni alimentari con annessa rivendita (pasticcerie,
panetterie, gastronomie, rosticcerie e simili) …………………………………………………..
€ 8,78
23) Locali adibiti a lavorazione e/o confezionamento generi alimentari senza
rivendita (forni per panificazione, industrie dolciarie, ingrosso carni e simili) .
€ 4,29
24) Esercizi commerciali per la vendita di generi diversi dagli alimentari ……………. € 6,50
25) Distributori carburante ……………………………………………………………………………………… € 3,18
26) Locali adibiti a lavorazioni diverse dalle alimentari …………………………………………. € 4,77
27) Campeggi …………………………………………………………………………………………………………… € 3,98
28) Banchi di vendita all’aperto di generi alimentari, se compresi prodotti
ortofrutticoli e/o ittici …………………………………………………………………………………………
€ 15,14
29) Banchi di vendita all’aperto di generi alimentari (esclusi prodotti ortofrutticoli
od ittici) ………………………………………………………………………………………………………………
€ 7,18
30) Banchi di vendita all’aperto di fronde ornamentali, fiori e piante …………………… € 7,99
31) Banchi di vendita all’aperto di generi non compresi nelle categorie 28, 29 e
30 ……………………………………………………………………………………………………………………….
€ 6,50
(Le sopraindicate tariffe sono soggette a variazione annuale su deliberazione della
Giunta Comunale, da adottarsi entro il termine ultimo di approvazione del bilancio
preventivo – ultima deliberazione n° 35 del 07/02/2002).
2. I locali e le aree che non risultano espressamente indicati vengono
assimilati a ciascuna categoria sulla base della loro preminente destinazione ed
uso.
Art. 10
Riduzioni tariffarie
1. Soppresso.
2. Soppresso.
3. La tariffa viene ridotta della misura sottoindicata nel caso di:
a) abitazioni con unico occupante: riduzione del 30%. L’alloggio per il quale si
richiede l’agevolazione deve essere detenuto a titolo di abitazione principale
8
(residenza);
b) locali diversi dalle abitazioni ed aree scoperte, nell'ipotesi di uso stagionale e
ricorrente per un periodo non superiore a sei mesi all'anno risultante dalla
licenza od autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio
dell'attività: 30%;
4. Le riduzioni previste, comprese quelle destinate agli utenti fuori zona,
sono cumulabili a scalare secondo l'ordine degli articoli del presente Regolamento
che le prevedono e saranno concesse a domanda degli interessati con effetto
dall'anno successivo. E' comunque dovuto il 20% dell'importo altrimenti calcolato.
Per l'anno 2008 verrà riconosciuta d'ufficio la riduzione del 30% ai contribuenti che
in passato avevano presentato la domanda ai sensi della normativa regolamentare
previgente, che nel 2008 posseggano i requisiti per ottenere la riduzione (residenza
ed unico occupante).
5. I soggetti di cui alla lettera a) del comma terzo sono tenuti a corredare la
domanda con una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà che attesti la
condizione di unico occupante.
6. Il contribuente è obbligato a denunciare entro il 20 gennaio il venir meno
delle condizioni per l'applicazione delle tariffe ridotte; in difetto si provvede al
recupero del tributo a decorrere dall'anno successivo a quello di denuncia dell'uso
che ha dato luogo alla riduzione tariffaria e sono applicabili le sanzioni previste
per l'omessa denuncia di variazione dall'art. 76 del D.Lgs. 507/1993.
Art. 11
Esenzioni
1. Sono esenti dalla tassa i conduttori il cui nucleo familiare è composto da
non più di due persone conviventi, qualora il reddito calcolato in base all'ISEE non
sia superiore per l'anno 2008 ad € 5.500,00. Tale importo potrà essere
annualmente rideterminato in sede di approvazione delle tariffe da parte della
Giunta Comunale.
2. L'esenzione è concessa su domanda dell'interessato, da presentarsi
annualmente all'Ufficio Servizi Sociali entro il 30 novembre dell'anno precedente a
quello di riferimento dell'esenzione, sulla base di apposito modello predisposto.
3. Gli esoneri saranno disposti, di anno in anno, con determinazione
dell'Ufficio Servizi Sociali il quale procederà alla valutazione delle domande
presentate, comunicando all'Ufficio Tributi l'elenco dei soggetti esonerati in tempo
utile per la formazione del ruolo per la riscossione della TARSU per l'anno di
competenza.
4. L'esonero potrà essere revocato qualora le condizioni di necessità
dovessero venir meno; allo scopo di accertare i requisiti richiesti,
l'Amministrazione si riserva, in ogni caso, di effettuare le opportune indagini
avvalendosi degli organismi comunali.
5. Le esenzioni di cui all'art. 11 sono iscritte in bilancio come autorizzazioni
di spesa e la relativa copertura è assicurata da risorse diverse dai proventi della
tassa relativa all'esercizio cui si riferisce l'iscrizione predetta.
9
6. Per l'anno 2008 le domande andranno presentate entro il 31.05.2008:
l'ufficio Tributi effettuerà le relative rettifiche sul ruolo 2008, procedendo agli
opportuni sgravi o recuperi, se dovuti.
Art. 12
Tassa giornaliera
1. Per il servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni ed equiparati
prodotti dagli utenti che occupano o detengono, con o senza autorizzazione,
temporaneamente e non ricorrentemente locali od aree pubbliche, di uso pubblico o
aree gravate da servitù di pubblico passaggio, è istituita la tassa di smaltimento
da applicare in base a tariffa giornaliera. E' temporaneo l'uso inferiore a sei mesi e
non ricorrente.
2. La misura tariffaria è determinata in base alla tariffa, rapportata a
giorno, della tassa annuale di smaltimento dei rifiuti solidi urbani attribuita alla
categoria contenente voci corrispondenti di uso e comunque assimilabili, per
attitudine qualitativa e quantitativa a produrre rifiuti, maggiorata dell'importo
percentuale del 50%.
3. L'obbligo della denuncia di uso temporaneo si intende assolto con il
pagamento della tassa, da effettuare contestualmente alla tassa di occupazione
temporanea di spazi ed aree pubbliche, se dovuta, all'atto dell'occupazione e con il
medesimo modello di versamento in conto corrente postale di cui all'art. 50 del
D.Lgs. 507/1993.
4. In caso di uso di fatto, la tassa, che non risulti versata all'atto
dell'accertamento dell'occupazione abusiva, è recuperata unitamente alla sanzione,
interessi ed accessori.
5. Per l'accertamento, il contenzioso e le sanzioni si applicano le
disposizioni previste per la tassa annuale, in quanto compatibili.
Parte II
PROCEDURE E SANZIONI
Art. 13
Denunce
1. Tutti coloro che, ai sensi del presente Regolamento, siano tenuti al
pagamento della tassa, devono, entro il 20 gennaio dell'anno successivo all'inizio
dell'occupazione o detenzione, presentare denuncia unica al Comune, che ne
rilascia ricevuta.
2. L'obbligo della denuncia sussiste anche nei confronti dei contribuenti per i
quali possono trovare applicazione le norme di esenzione della tassa.
1
3. La denuncia, debitamente sottoscritta e redatta sugli appositi modelli
predisposti dal Comune, deve contenere cognome, nome, codice fiscale, luogo e
data di nascita del dichiarante e delle persone fisiche componenti il nucleo
familiare o la convivenza, l'ubicazione e la superficie dei singoli locali e delle
aree, nonchè la loro ripartizione interna e l'uso cui sono destinati, la data di inizio
della detenzione o occupazione, la provenienza, il preciso recapito.
4. Per gli enti, istituti, associazioni, società ed altre organizzazioni devono,
altresì, essere indicati la denominazione, la sede principale e gli elementi
identificativi dei rappresentanti legali.
5. La denuncia ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le
condizioni di tassabilità siano rimaste invariate. In caso contrario l'utente è
tenuto a denunciare, nelle medesime forme, ogni variazione relativa ai locali ed
aree, alla loro superficie e destinazione che comporti un maggior ammontare
della tassa o comunque influisca sull'applicazione e riscossione del tributo.
Art. 14
Accertamento, riscossione, contenzioso
1. L'accertamento e la riscossione della tassa avvengono in conformità agli
articoli 71 e 72 del D.Lgs. 507/93.
2. La variazione dell'ammontare della tassa dovuta al cambio di categoria o
alla variazione della tariffa non comporta l'obbligo per il Comune di notificare ai
contribuenti avvisi di accertamento.
3. L'importo del tributo e di tutti gli accessori ed addizionali è riscosso in
quattro rate bimestrali secondo le scadenze previste dal D.P.R. 29/9/1973, n°
602. In via eccezionale, il Sindaco può concedere la ripartizione fino a 8 rate del
carico tributario, se comprensivo di tributi arretrati, al contribuente che ne faccia
richiesta motivata e documentata.
4. Il contenzioso, fino all'insediamento degli speciali organi di giurisdizione
tributaria previsti dal D.Lgs. 31/12/92, n. 546, è disciplinato dall'art. 63 del
D.P.R. 28/01/88, n. 43 e dall'art. 20 del D.P.R. 26/10/72 n. 638 e successive
modificazioni.
Art. 15
Mezzi di controllo
Ai fini del controllo dei dati contenuti nelle denunce o acquisiti in sede di
accertamento d'ufficio tramite rilevazione della misura e destinazione delle
superfici imponibili, il Comune può svolgere le attività a ciò necessarie esercitando
i poteri previsti dall'art. 73 del D.Lgs. 507/1993 ed applicando le sanzioni previste
dall'art. 76 del decreto medesimo.
Art. 16
Rimborsi
1. Lo sgravio o il rimborso del tributo iscritto a ruolo e riconosciuto non
1
dovuto, è disposto dall'ufficio comunale entro 30 giorni dalla ricezione della
denuncia di cessazione o dalla denuncia tardiva di cui al comma 4, art. 64, D.Lgs.
507/1993, da presentare, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla notifica del
ruolo in cui è iscritto il tributo.
2. In ogni altro caso, lo sgravio o il rimborso è disposto entro novanta giorni
dalla domanda del contribuente da presentare, a pena di decadenza, non oltre due
anni dall'avvenuto pagamento.
Art. 17
Sanzioni
1. Per le violazioni previste dall'art. 76 del D.Lgs. 507/93 si applicano le
sanzioni ivi indicate.
2. Per l'applicazione delle pene pecuniarie previste dal comma 3 dello stesso
art. 76, si fa rinvio, per quanto attiene al procedimento sanzionatorio, alla legge
24/11/81, n. 689.
Parte III
NORME TRANSITORIE E FINALI
Art. 18
Funzionario responsabile
La Giunta comunale nomina il funzionario responsabile di cui all'art. 74 del D.Lgs.
507/1993.
Art. 19
Disposizioni finali e transitorie
1. Il presente Regolamento abroga e sostituisce le norme regolamentari
precedentemente deliberate in materia e dispiega la propria efficacia, per tutti gli
atti e gli adempimenti connessi con l'applicazione della tassa, dalla sua entrata in
vigore.
2. E' fatta salva l'applicazione, in via transitoria, delle previgenti norme,
come previsto dagli artt. 79 e 80 del D.Lgs. 507/1993 e successive modifiche ed
integrazioni, con particolare riferimento alle diverse decorrenze stabilite dalle
medesime disposizioni, in sede di prima applicazione della nuova disciplina.
3. Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento, si fa
riferimento alle norme contenute nel Capo III del Decreto Legislativo n. 507 del
15/11/1993, pubblicato sulla G.U. n° 288 del 9/12/1993, nonchè alle speciali
norme legislative vigenti in materia.
Art. 20
Entrata in vigore
1
Il presente Regolamento entrerà in vigore, dopo le approvazioni di rito e ad
esecuzione avvenuta delle procedure di pubblicazione, a partire dal 1° gennaio
1996.

 

 



Taggia e Arma

WebCam

PUC

PUC

Meteo

Energia

 


Enkel - Due Metri