Comune di Taggia

21. Regolamento adottato ai sensi della legge 27.12.2007 (legge finanziaria 2007), commi da 165 a 168)

 Regolamento adottato ai sensi della Legge 27.12.2006, n° 296
(legge finanziaria 2007), commi da 165 a 168.

 

Art. 1. Interessi

 

   1. Ai sensi dell’art. 1 comma 165 della Legge n. 296 del 27/12/2006, sugli importi non versati si applicano gli interessi moratori nella misura annua pari al tasso legale vigente, maggiorato del 1,5%
   2. Interessi nella stessa misura spettano al contribuente relativamente al rimborso delle somme dovute a decorrere dalla data dell’indebito versamento, fatte salve le esclusioni di legge.
   3. Gli interessi sono calcolati con maturazione giorno per giorno con decorrenza dal giorno in cui sono divenuti esigibili.

 
Art. 2. Compensazione

 

   1. Ai sensi dell’art. 1, comma 167, della Legge n. 296 del 27/12/2006, è disciplinato l’istituto della compensazione per i tributi comunali.
   2. E’ consentita la compensazione del credito maturato su un qualsiasi tributo comunale con il debito maturato sul medesimo tributo.
   3. Per ottenere la compensazione, il contribuente presenta all’Ufficio Tributi, entro 60 giorni dalla data del versamento previsto per il primo importo a debito che si vuole compensare, istanza di compensazione, redatta su apposito modello predisposto dal comune, dalla quale risulta quanto segue:

    * Il tributo sul quale è maturato il credito d’imposta, le annualità a cui si riferiscono i crediti, il loro esatto ammontare;
    * Gli importi che si vogliono compensare con i crediti di cui al punto precedente, distinti per le annualità a cui si riferiscono.

   1. L’Ufficio Tributi, verificata l’effettiva sussistenza del credito e del debito, darà comunicazione al richiedente dell’esito dell’istruttoria.
   2. La compensazione è ammessa solo se il credito d’imposta non si è prescritto.
   3. La compensazione non è ammessa nell’ipotesi di tributi riscossi mediante ruolo (ordinario o coattivo) o tra tributi diversi.
   4. Non è consentita la compensazione tra contribuenti diversi, né l’accollo ai sensi dell’art. 8 della Legge 27.12.2000 n° 212.

 
ART. 3. Importi di modesto ammontare

 

   1. Ai sensi del combinato disposto dell’art. 25 della Legge 27.12.2002 n° 289 e dell’art. 1, comma 168, della Legge n. 296 del 27/12/2006, sono stabiliti i seguenti importi di modesto ammontare per singola annualità relativi a versamenti e rimborsi per i tributi comunali.
   2. Per i pagamenti su denuncia e/o versamento diretto da parte del contribuente, non è dovuto il versamento se il debito tributario per singola annualità è inferiore a € 2,00.
   3. Per i casi in cui il pagamento del tributo viene richiesto a seguito di controlli da parte degli uffici comunali, e per i casi di rimborso da parte dell’ente, tenuto anche conto dei costi per l’accertamento e la riscossione, non si procede all’accertamento e all’iscrizione a ruolo di crediti, o al rimborso di somme, fino all’importo di € 12,00, comprensivo o costituito solo da sanzioni amministrative, interessi e spese di notifica, con riferimento ad ogni periodo di imposta.
   4. Se l’importo supera il limite di cui al comma precedente, si procede ad accertare e a iscrivere a ruolo, ovvero a rimborsare, l’intero ammontare.

 

Art. 4 – Rinvio dinamico

 

   1. Le norme del presente regolamento si intendono modificate per effetto di sopravvenute norme vincolanti.
   2. In tali casi, in attesa della formale modificazione del presente regolamento, si applica la normativa sovraordinata.
 



Taggia e Arma

WebCam

PUC

PUC

Meteo

Energia

 


Enkel - Due Metri